<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1958548&amp;fmt=gif">
Inizio Blog Maggiore convenienza fissando il prezzo indicizzato

Maggiore convenienza fissando il prezzo indicizzato

IT-BLOG-maggiore-convenienza-fissando-il-prezzo-indicizzato-LIST

A seconda del tipo di contratto scelto per la fornitura di energia, può essere possibile fissare interamente, o parzialmente, il prezzo indicizzato durante il tempo di validità del contratto, così che si possa beneficiare dell’andamento favorevole del mercato. Si parla in questo caso di: fixing del prezzo.


Questa è sicuramente una buona opzione per avere una maggiore convenienza, a patto che si abbiano le competenze giuste.

Questa scelta contrattuale può portare a un risparmio considerevole, a patto che si conosca bene l'opzione che si sta scegliendo, le eventuali criticità e le risorse richieste, sia da un punto di vista temporale che di competenze.

Tuttavia, una scelta consapevole e cosciente che si tratti di una possibilitĂ  attuabile anche per chi non dispone di enormi mezzi, utilizzando i giusti strumenti, apre le porte a molte possibilitĂ  di risparmio.
 
Vale la pena di entrare nel merito dei contratti a prezzo variabile con possibilità di fixing: come comportarsi? Il prezzo si può fissare in due modi:

Il fixing fuori Borsa

Cliente e fornitore si accordano sul prezzo mediante contrattazioni che si svolgono in maniera ufficiosa. La richiesta può essere fatta in qualsiasi momento durante l’apertura dei mercati, cioè quando il fornitore ha accesso alle piattaforme di trading.  

Il fixing basato sui prezzi pubblici

I prezzi sono pubblicati a chiusura dei mercati. Il fornitore non può approvvigionarsi subito, il che comporta una variazione del prezzo nel tempo. Per sua tutela, il fornitore applica un sovrapprezzo all’offerta del cliente.

Alcune caratteristiche contrattuali proposte dai fornitori

  • Il prezzo iniziale è una combinazione dei due tipi di prezzo: 50% fisso e 50% variabile;
  • Il cliente può passare da un prezzo fisso a uno variabile;
  • Il cliente può modificare l’indice del prezzo variabile;
  • Indice trimestrale o giornaliero a scelta.

    Nella maggior parte dei casi si tratta di soluzioni inefficaci e portano a un aumento del prezzo per il cliente finale.

    New call-to-action

Motion design: © YEM

Condividilo su: