<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1958548&amp;fmt=gif">
Inizio Blog Andamento del prezzo dell'energia elettrica e le strategie di acquisto

Andamento del prezzo dell'energia elettrica e le strategie di acquisto

SP-BLOG-article andres webinar-DETAIL

 

Il 2021 sta per essere segnato e messo in evidenza nei libri di storia del mercato elettrico. E, purtroppo per le nostre tasche, non sarà a causa di un basso prezzo medio dell'energia elettrica.

Dopo un inizio d'anno in cui la nostra "piscina" è stata oggetto di molteplici analisi a causa degli effetti del fenomeno meteorologico noto come "Filomena", la cui tempesta perfetta di effetti ha portato il prezzo dell'energia elettrica a raggiungere un massimo storico, la situazione non è migliorata e i prezzi continuano ad essere più alti di quello che siamo abituati a vedere in questo periodo dell'anno. Questo indica che il 2021, a meno che non ci sia una sorpresa, sarà un anno con un prezzo medio dell'elettricità molto alto.

Ma c'è un modo per anticipare questa volatilità del mercato e ottenere il miglior prezzo possibile?

Questa è sicuramente la domanda universale nel settore, dato che nessuno ha la sfera di cristallo. Tuttavia, ci sono modi per garantire la fornitura di elettricità al prezzo più basso possibile, stabilendo strategie di contrattualizzazione.

Per farlo, è vitale conoscere questi quattro principali fattori.

1. Gli insegnamenti del 2020 per le strategie di acquisto 

Durante il 2020, un anno atipico in tutti i sensi, la pandemia di covid-19 ha avuto un effetto evidente sul pool. Il calo della domanda di energia, causato da una minore produzione e attività industriale è stato senza dubbio un fattore determinante per la caduta dei prezzi di mercato e le rinnovabili sono diventate le fonti più importanti in un mix energetico che non ha richiesto tanta capacità come negli anni precedenti.

Soprattutto da marzo ad agosto, possiamo vedere come i prezzi siano stati insolitamente bassi a causa del motivo sopra menzionato. Un prezzo medio di 33,96 €/MWh nel mercato è stato un sollievo per qualsiasi acquisto di materia prima nel pool e, quasi certamente, è stato dannoso per tutti quegli agenti che si sono approvvigionati di elettricità nel mercato a termine (46 €/MWh in media, circa) approfittando delle quotazioni del 2020 che, una volta finito l'anno, erano molto più alte di quei 33,96 €/MWh.

Nonostante ciò, dobbiamo essere consapevoli che nessun attore del settore, per quanta esperienza avesse nell'acquisto di energia, sarebbe stato in grado di prevederlo. Di conseguenza, il 2020 non può essere considerato un riferimento, ma è un'esperienza di apprendimento. Non mettere tutte le uova in un solo cesto è una buona strategia.

2. L'impatto delle energie rinnovabili sulle strategie di acquisto 

Nel processo di corrispondenza tra le offerte di produzione e la domanda di energia, le tecnologie rinnovabili eoliche e solari fotovoltaiche sono dispacciate nel mercato con priorità, facendo offerte a prezzi di 0 €/MWh o molto vicini ad esso.

Questa incorporazione nel processo come priorità rispetto ad altre tecnologie significa che più alta è la produzione con entrambe le fonti rinnovabili, più basso è il prezzo finale.

Questo evento è estremamente importante per lo sviluppo delle strategie di acquisto, dato che i mesi con maggiore produzione di risorse naturali avranno, come regola generale, un prezzo dell'energia elettrica più basso e, quindi, questo si rifletterà anche nelle quotazioni sul mercato a termine dell'elettricità OMIP, dove i prodotti sono quotati principalmente per periodi annuali, trimestrali, mensili, settimanali e giornalieri.

Con il White Paper: "Le 3 sfide imprescindibili per il KAM di domani" scoprirai come superare le difficoltà del mercato energetico di oggi e rimanere al passo

3. Prendere il passato come punto di riferimento per le strategie di acquisto 

Quando qualcosa non può essere previsto, l'ideale è considerare i dati storici per avvicinarsi alla realtà. Il mercato dell'energia elettrica è imprevedibile per diversi motivi, dalla disponibilità di risorse naturali, alla fluttuazione dei prezzi della CO2 (che in questo mese di aprile ha raggiunto un record di 48 €/t), attraverso la disponibilità e i prezzi del gas naturale (circa 20 €/MWh questo mese), tra molti altri.

Per questo motivo, l'approvvigionamento di energia elettrica nel pool durante i mesi in cui è storicamente più conveniente, così come l'adeguamento dell'acquisto di futures a brevi periodi e i cui prezzi sono interessanti a livello strategico per l'azienda piuttosto che a livello economico data l'imprevedibilità al momento dell'acquisto, sarà il più appropriato.

4. L'approvvigionamento diretto con i produttori nella strategia di acquisto

L'approvvigionamento diretto con i produttori per assicurare la disponibilità di una certa quantità di materia prima a un prezzo liberamente concordato, vantaggioso per l'acquirente, è una garanzia di una buona strategia.

Tra i meccanismi di questo tipo di approvvigionamento, negli ultimi anni hanno acquisito particolare importanza i PPA (Power Purchase Agreements), contratti di acquisto di energia verde che, oltre a garantire un prezzo, migliorano gli indici di sostenibilità delle aziende e permettono loro di offrire energia rinnovabile, un "must" sempre più importante per gli acquirenti.

Quindi quale strategia si può seguire?

È un errore comune cercare di decifrare il futuro quando, soprattutto nel 2020, abbiamo scoperto che non solo è impossibile, ma inutile.

Quindi, sia per un consumatore che per una compagnia elettrica che vuole offrire un prodotto il più competitivo possibile, l'ideale è considerare di ottenere la materia prima (energia elettrica) nei tre modi principali che esistono: l'acquisto in pool, in futures, e firmando contratti bilaterali e/o PPA.

Dal lato del consumatore, finché il suo livello di consumo e la sua capacità di gestione lo permettono, avere un contratto indicizzato con la possibilità di approfittare delle finestre di opportunità nel mercato dei futures è senza dubbio la migliore strategia.

Questo permetterà, soprattutto se la situazione non è atipica come quella attuale, di ottenere elettricità più economica nei mesi di maggiore produzione rinnovabile (come dimostrano i dati storici) e di assicurarsi un'altra quantità a prezzi futuri che si adattino alle proprie possibilità economiche.

Dal punto di vista del commerciante, è essenziale avere una gestione e un monitoraggio continuo, esaustivo e professionale dell'evoluzione di tutti i mercati, dall'elettricità al gas. A tal fine, anche nei commercianti la cui politica è molto più concentrata sull'offerta di prezzi fissi più "tradizionali", la costruzione di queste proposte può essere ottimizzata comprando in GME e acquistando energia direttamente dai produttori, nella cui negoziazione ci sarà sempre una visibilità di prezzo a lungo termine.

Sia come sia, analizzando l'evoluzione del mercato e con l'entrata in vigore delle nuove tariffe in giugno, che si traduce in una previsione al rialzo dei prezzi futuri a causa della loro novità, aumenta la necessità per i commercianti di avere una gestione ottimale dell'acquisto delle materie prime sui mercati.

REF-E POWER/GAS

Condividilo su: