<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1958548&amp;fmt=gif">
Inizio Blog Le misure dell'Europa per 'salvare' un inverno senza gas russo

Le misure dell'Europa per 'salvare' un inverno senza gas russo

BLOG-IT-Les mesures de Europe pour hiver-DETAIL

La minaccia di un inverno senza una fornitura garantita di gas dalla Russia sta mettendo in allarme l'intero settore energetico europeo. In previsione della possibilità che Mosca continui a limitare le forniture di gas alla Germania e ad altri Paesi, l'Unione Europea (UE) ha proposto un piano di risparmio energetico per ridurre il più possibile la domanda di energia e quindi la dipendenza dai combustibili fossili.

Condizioni del mercato

Il mese di agosto è iniziato con i futures del gas sul mercato ICE che hanno raggiunto prezzi superiori a 200 €/MWh, in aumento rispetto alla settimana precedente. E tutto questo nonostante il periodo festivo, in cui la domanda di energia è più bassa rispetto agli altri mesi.

Un altro indicatore allarmante sono i futures sull'elettricità. Nei primi giorni di agosto, la maggior parte dei principali mercati dell'UE ha registrato aumenti del prezzo del 2023, dal mercato OMIP all'ICE britannico e al mercato EEX tedesco.

Entrambe le argomentazioni sostengono la necessità per l'UE di ridurre la propria domanda di gas. In primo luogo, perché fisicamente l'offerta potrebbe non essere sufficiente e, nonostante le norme che impongono di avere l'80% della capacità di stoccaggio entro il 1° novembre, gli Stati membri non possono correre il rischio che i loro cittadini non abbiano il gas per superare l'inverno. In secondo luogo, più alta è la domanda di gas per generare elettricità, più alto è il prezzo del gas

Il piano dell'Europa - Linee guida per gli Stati membri

La Commissione europea (CE) ha proposto un nuovo strumento legislativo e un Piano europeo di riduzione della domanda di gas per ridurre il consumo di gas in Europa del 15% tra il 1° agosto 2022 e il 31 marzo 2023, coinvolgendo tutti i consumatori, le amministrazioni pubbliche, le famiglie, i proprietari di edifici pubblici, i fornitori di elettricità e l'industria.

Inoltre, l'UE ha adottato una nuova normativa che impone di riempire lo stoccaggio sotterraneo di gas all'80% della capacità entro il 1° novembre 2022. Questo è lo stato al momento della stesura del presente documento per ciascun Paese:

2022-08-30 07_25_58-Medidas de Europa para “salvar” un invierno sin gas ruso - Word

Stato dello stoccaggio di gas per Paese. Fonte: GIE AGSI

Il Piano europeo stabilisce misure, principi e criteri per una riduzione coordinata della domanda. Si concentra sulla sostituzione del gas con altri combustibili e sul risparmio energetico complessivo in tutti i settori, sostenendo l'implementazione di tecnologie rinnovabili. L'obiettivo è salvaguardare le forniture alle famiglie e agli utenti essenziali, come gli ospedali, ma anche alle industrie, che sono fondamentali per la fornitura di prodotti e servizi essenziali all'economia, nonché per le catene di approvvigionamento e la competitività dell'UE. Il Piano fornisce le linee guida di cui gli Stati membri devono tenere conto nella pianificazione della riduzione:

  1. Incoraggiare il cambio di combustibile dando priorità alle energie rinnovabili e ai combustibili più puliti, come l'idrogeno.
  2. Promuovere il risparmio di gas non critico per la produzione di elettricità e calore.
  3. Incentivare la riduzione dei consumi da parte dell'industria, ad esempio attraverso gare o aste per la riduzione del consumo di gas, contratti interrompibili e swap di contratti.
  4. Promuovere la riduzione del riscaldamento e del raffreddamento negli edifici, anche attraverso campagne di sensibilizzazione da parte degli Stati membri e azioni da parte dei singoli cittadini.
  5. Fornire indicazioni agli Stati membri sulla priorità dei settori industriali in caso di riduzioni.

Free trial version

Sulla base di queste linee guida, l'UE prevede 3 punti principali che guidano i Paesi ad agire:

Sul passaggio dal carburante alle energie rinnovabili

  • Il cambio di combustibile nell'industria e nei settori dell'elettricità e del calore avverrà preferibilmente verso fonti energetiche rinnovabili e più pulite, verso il nucleare, ove possibile, e verso il carbone e altri combustibili pesanti, ove necessario e su base temporanea.
  • Ci saranno eccezioni da considerare caso per caso, in via eccezionale e temporanea, per alcune normative ambientali.

Sugli incentivi per ridurre il consumo di gas

  • Saranno istituiti sistemi di aste o gare d'appalto per incentivare e compensare le grandi aziende a ridurre i loro consumi.
  • Possibili regimi di aiuti di Stato per sostenere i costi.
  • Contratti di consumo di gas interrompibili, per consentire la riduzione del consumo in caso di necessità.
  • Scambi di contratti tra consumatori industriali, per consentire la produzione in regioni meno colpite in caso di gravi carenze.

Sulla riduzione dei consumi per il riscaldamento e il raffreddamento

  • Campagne nazionali di sensibilizzazione in tutti gli Stati membri che integrano il Piano di risparmio energetico dell'UE, nell'ambito di REPowerEU.
  • Riduzione obbligatoria negli edifici pubblici.
  • Riduzione dei consumi nei centri commerciali, negli uffici e negli spazi pubblici.
  • Nuove soglie di temperatura e di tempo per il riscaldamento e il teleriscaldamento nel settore del gas domestico.

Misure già attuate

Sulla base di queste proposte, alcuni Paesi si stanno già muovendo per attuare il piano di riduzione della domanda di gas.

La Germania, ad esempio, ha annunciato che ristrutturerà la rete di centrali a carbone che fanno parte della riserva di energia elettrica in modo da poterle attivare "a breve termine"; una mossa molto controversa perché in contrasto con altri piani dell'UE, come quello per la riduzione delle emissioni inquinanti.

Un'altra misura attuata dalla Germania prevede l'introduzione di un sistema di vendita all'asta del gas utilizzato nell'industria a partire da quest'estate, per creare incentivi al risparmio.

Inoltre, la Germania creerà ulteriori crediti per fornire liquidità all'acquisto di gas e avvicinarsi all'obiettivo di avere le riserve necessarie.

In Spagna, invece, le misure già attuate prevedono, ad esempio, che il riscaldamento e il raffreddamento siano compresi tra 19 e 27ºC, che le porte siano dotate di serrature automatiche, che le vetrine dei negozi siano spente alle 22.00 e la creazione di misure per aumentare l'efficienza energetica in diversi settori e per promuovere l'elettrificazione con 350 milioni di euro di aiuti.

Accelerare la transizione

I dubbi sull'importanza di promuovere nuove tecnologie "verdi" vengono sempre più fugati. Se è vero che le energie rinnovabili avrebbero dovuto essere implementate maggiormente nei principali Paesi europei, l'attuale situazione economica rende necessaria un'accelerazione di questo processo. Per questo motivo, i principali meccanismi di finanziamento dei progetti rinnovabili devono mantenere un quadro normativo attraente e stabile. Stiamo parlando di aste, PPA e del mercato stesso.

Inoltre, l'accumulo di energia e l'idrogeno rinnovabile, già considerati fondamentali per questo processo, avranno bisogno di maggiore sostegno per incrementare la loro diffusione di massa.

2022-08-30 07_26_15-Medidas de Europa para “salvar” un invierno sin gas ruso - Word

Immagine 2. Schema per l'utilizzo dell'idrogeno verde. Fonte: Enagás

L'Europa ha preso provvedimenti, tutti i Paesi dipendono più o meno dal gas russo e la sua assenza, ora o in futuro, significa che la transizione verso le energie rinnovabili deve essere accelerata. Sono in gioco l'indipendenza energetica e il cambiamento climatico.

 

Condividilo su: